San Valentino... Festa religiosa?

by fabrille1933 02/07/2018 0 Commenti

San Valentino...

 

...E' davvero una festa religiosa?

Si avvicina il 14 Febbraio, la nota festa degli innamorati. E' un'usanza così radicata nella nostra tradizione da non farci nemmeno più porre molte domande sulla sua origine, ma in effetti da dove nasce questa festività? E chi era San Valentino per essere scelto per dedicargli questa festa?

 

San Valentino da Terni è stato un martire cristiano, morto a Roma appunto il 14 febbraio del 273. Proveniva da una famiglia patrizia; fu convertito e nominato vescovo all'età di soli 21 anni.

Arrestato per la prima volta, pur non abiurando la propria fede, venne graziato dall'imperatore Claudio II il Gotico, e fu fatto giustiziare all'età di 97 anni dal suo successore, l'imperatore Aureliano.

 

Comunemente si pensa che la festa degli innamorati sia stata istituita nel V secolo, e fissata nella data del martirio di questo santo anche allo scopo di sostituire quella pagana dei Lupercalia, antichi riti di fertilità (quindi in un certo senso comunque legati all'amore) che si celebravano il 15 di febbraio.

 

Secondo un'altra leggenda, San Valentino è divenuto il protettore dell'amore e degli innamorati per aver donato ad una fanciulla la somma di denaro necessaria per la dote, senza la quale non avrebbe potuto sposarsi.

 

La tradizione di scambiarsi biglietti d'amore e regali tuttavia è molto più tardi. La prima "Valentina" fu scritta da Carlo d'Orleans, tenuto prigioniero nella Torre di Londra, alla moglie.

 

Un altro illustre precedente è rappresentato da William Shakespeare in persona, il quale nella tragedia Amleto, fa dire ad Ofelia,  "Domani è San Valentino e, appena sul far del giorno, io che son fanciulla busserò alla tua finestra, voglio essere la tua Valentina".

 

E tu? Hai già scritto la tua Valentina?

Commenta