San Michele Arcangelo

by admin 11/09/2019 0 Commenti Santi e Beati,

 

 

Il 29 di settembre si festeggia San Michele . Ed è bizzarro osservare come in effetti venga trattato come un santo (ovvero una persona che per particolari meriti e caratteristiche abbia compiuto dei miracoli) quando invece un santo vero e proprio non è, e infatti non tutte le confessioni lo accettano come tale.

San Michele infatti è uno dei sette arcangeli maggiori assieme a Gabriele, Raffaele, Uriele, Barachiele, Geudiele e Sealiele.

Il nome di Michele in antico ebraico Mîkhā'ēl significa “Chi è come Dio?”.

Nell’Antico Testamento viene citato come custode del popolo di Israele, ed è citato come “angelo personale del Signore”.

Curiosamente, anche l’Islam riconosce la figura di questo arcangelo, riportando che furono lui e a Gabriele a dettare il Corano al profeta Maometto.

Nel Nuovo Testamento è colui che rivela l’Apocalisse a Giovanni, e in questo libro è citato come colui che guida le milizie celesti contro Satana. Secondo la tradizione, è colui che suonerà la tromba che annuncerà l’avvento del Giudizio Finale.

E’ a questi ruoli di angelo guerriero e giudice che San Michele deve l’iconografia tradizionale acquisita per i Cristiani con gli attributi di armatura, spada e bilancia.

Il culto di San Michele ha origini molto antiche: il primo santuario a lui ufficialmente dedicato era il cosiddetto Micheleion di Costantinopoli, fatto erigere dall’imperatore Costantino. Altro Santuario importantissimo in Italia è il celebre Castel Sant’Angelo a Roma.

Ma in Europa sono disseminati altri numerosi santuari dedicati all’arcangelo Michele.

Il più celebre e affascinante è senz’altro il santuario di Mont Saint-Michel in Francia. Lì nel XV secolo una volta l’anno, in onore della ricorrenza del santo, si riunivano i cavalieri dell’Ordine di San Michele.

E’ interessante notare come quasi tutti i luoghi di culto di San Michele siano caratterizzati dall’essere particolarmente difficili da raggiungere: come Mont Saint Michel, così anche l’isola di Skelling Michael in Irlanda e St. Michael’s Mount in Cornovaglia.

San Michele oggi è riconosciuto ancora come Protettore del popolo Ebraico, Guardiano (e Custode) della Chiesa Cattolica, Patrono di Città del Vaticano, e Francia, oltre a molti altri paesi, nonché patrono degli infermi, Forze dell'Ordine, paramedici, marinai, paracadutisti, Vigili del Fuoco, radiologi, droghieri.

E’ inoltre celebre una preghiera di esorcismo fatta invocando il suo nome, la cosiddetta “prière à St. Michel”.

Commenta