SERVIZIO CLIENTI - WHATSAPP +39 3511476942

Candelora

by admin 28/11/2019 0 Commenti Il Natale,

 

Il 2 di febbraio si celebra la festività della Candelora, in cui si ricordano la Presentazione al Tempio di Gerusalemme di Gesù e la purificazione di Maria.

Secondo la legge mosaica, infatti, ogni primogenito maschio era considerato dedicato al Signore, e in quanto tale andava “riscattato” dalla famiglia con un sacrificio fatto al Tempio.

Contestualmente, la madre che aveva partorito, considerata impura del sangue del parto, doveva sottoporsi ad un rito di purificazione, che era prescritto 40 giorni dopo la nascita in caso di figlio maschio, e 66 se la figlia era femmina. 

Per questo motivo la festa cade il 2 febbraio che è appunto 40 giorni dopo Natale.

Un tempo tuttavia, la data di questa festività era stata ritardata al 14 di febbraio, in modo da poter contrastare le feste pagane che si tenevano in quel periodo. Era infatti piuttosto frequente cercare di associare simboli della tradizione pre-cristiana a feste canoniche, nel tentativo di farle accettare soppiantando quelle radicate nella popolazione.

Così la Candelora divenne l’alternativa cristiana della festività romana dei Lupercalia e di quella celtica di Imbolc , dedicata alla luce, che celebravano il ritorno alla luce dopo i bui mesi invernali.

Ancora oggi la Candelora, come dice il nome stesso, mantiene questo legame con la luce ereditato dalla tradizione pagana, associato in seguito con la frase del vecchio sacerdote Simeone, che alla vista di Gesù lo definì: “Luce per illuminare le genti”. 

Il modo più popolare di celebrarla è con una processione illuminata da candele .

Commenta