SPEDIZIONI LOW COST: ITALIA 6,50 € - GRATUITA in EUROPA (zona1) per ordini superiori a 150,00€

26 Luglio, Sant'Anna

by admin 03/07/2019 0 Commenti Santi e Beati,

Sant’Anna, protettrice di partorienti e minatori

Il 26 luglio si celebra tradizionalmente la festa di Sant’Anna, patrona della Bretagna nonché di moltissime cittadine in Italia (soprattutto meridionale).

 

Per quanto riguarda le informazioni sulla vita di sant’Anna, la maggior parte ci arrivano dai vangeli apocrifi, e narrano che lei ed il marito Gioacchino non avevano avuto figli nonostante i vent’anni di matrimonio finché, dopo essere stato respinto dal tempio per questo motivo, il marito non si ritirò nel deserto a pregare perché Dio gli concedesse di avere un figlio.

La preghiera di Anna e Gioacchino fu ascoltata, e nonostante l’età avanzata la coppia ebbe una figlia, Maria.

 

La santa è protettrice delle partorienti e delle madri in generale, essendo la madre di Maria; meno evidente è la motivazione per cui dovrebbe essere anche la patrona dei minatori. La cosa viene spiegata paragonando Cristo all’oro e Maria all’argento.

 

In quanto madre della Vergine Maria, è una delle sante più importanti nella tradizione cristiana, ugualmente celebrata nella chiesa cattolica, copta e ortodossa, anche se in quest’ultima si celebra il 9 dicembre.

Curiosamente, tuttavia, non è stata venerata nella Chiesa d’Occidente fino al 1548, mentre fino a quel momento la sua celebrazione era rimasta isolata alla Francia meridionale e in Inghilterra dal 1378.

 

Le reliquie di Sant’Anna furono portate dalla terra Santa a Costantinopoli nel 710, e custodite nella chiesa di Hagia Sophia, dove rimasero fino al 1333. Secondo un’altra tradizione, il corpo di Sant’Anna fu portato ad Apt, in Francia, da san Lazzaro, amico di Cristo, dove fu nascosto in una bara di cipresso e murato in una cripta sotto la nascente cattedrale della città. Fu poi ritrovato durante il regno di Carlo Magno; nel 1664 venne portato in una cappella dedicata. 

La tradizione riguardante la testa di Sant’Anna non è concorde: secondo alcune fonti fu conservata a Mainz fino al 1510, da dove fu poi rubata e portata a Düren; per altri la testa si trova ora a Castelbuono, in Sicilia, dove viene portata in processione ogni 27 luglio.

Commenta